SCORM: LO STANDARD PER LA FORMAZIONE A DISTANZA

Con l’avanzare dell’importanza ricoperta dalla Formazione a Distanza (FAD) nel mondo dell’education, diverse forme di elementi multimediali ed interattivi si sono succedute per rendere l’esperienza del corsista sempre più coinvolgente e completa.

Tra queste lo standard SCORM rappresenta uno delle più interessanti.

SCORM: COSA SIGNIFICA E A COSA SERVE

La definizione di SCORM è “Shareable Content Object Reference Model” ed è un modello di riferimento largamente utilizzato nell’e-learning.

A livello tecnico un pacchetto SCORM consiste in un file zip che, oltre a contenere il materiale didattico di riferimento, è dotato di un file che ne descrive struttura, contenuti e logiche di roll-up.

Uno dei punti di forza del formato SCORM è la sua peculiare struttura che permette al contenuto formativo di essere catalogabile, tracciabile e riutilizzabile in diverse piattaforme e-learning, chiamate anche LMS, per la formazione a distanza.

COSA E’ POSSIBILE FARE CON LO SCORM

Qui di seguito alcune delle azioni che possono essere effettuate con un corso in formato SCORM:

  • Comunicazione: un contenuto e-learning prodotto in formato SCORM potrà comunicare all’ambiente che lo ospita diversi parametri, tra cui il tempo di visualizzazione, il numero di accessi e tentativi effettuati e lo stato di avanzamento. Tutto questo rende l’esperienza del corsista molto più dinamica e interattiva.
  • Interattività: un test prodotto in formato SCORM ha il grande vantaggio, rispetto ad un normale Power Point, di consentire lo svolgimento di test e quiz inserendoli all’interno della stessa presentazione. Inoltre, i risultati saranno subito visibili al corsista abbattendo i tempi di correzione.

SCENARI FUTURI

Essendo il mondo dalla formazione a distanza in costante evoluzione, anche lo SCORM si apre a nuove frontiere ed opportunità da cogliere.

In particolar modo, obiettivo futuro della fruizione di contenuti in formato SCORM è la possibilità di poter seguire e tracciare i propri progressi (e per l’insegnante l’avanzamento e i risultati dei corsisti) non soltanto in ambienti con connessione internet stabile, ma anche in luoghi (treni, autobus, ecc.) con connessione debole.

Se vuoi approfondire ulteriormente visita il nostro sito nell’area dedicata.

Condividi questa notizia:

Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Articoli recenti